Cibi e calorie

"Non c'è amore più sincero di quello per il cibo" - George Bernard Shaw

Cibi e calorie

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]
Cibi e calorie
l’alimentazione è importante non solo per la cosi tanto acclamata forma fisica ma anche per la salute ed è bene conoscere alcune cose:
Cibi e calorie
 
Divisione dei cibi:

Cibi ad alto, medio e basso indice glicemico:

– Alto indice glicemico: pane bianco, cornflakes, miele, patate al forno e fritte, cracker, riso arborio, zucchero saccarosio.
– Medio indice glicemico: ananas, spaghetti, banana, kiwi, mango, pane di segale, maccheroni, carote, uva, arancia.
– Basso indice glicemico: prugna, pera, yogurt, latte magro, latte di soia, fagioli bolliti, mela, lenticchie, fruttosio, cereali integrali.
 
Gli alimenti ad alto indice glicemico ingrassano
Consumando cibi ad alto indice glicemico la trasformazione dello zucchero in grassi tende ad aumentare (sovrappeso); lo stress ossidativo aumenta (invecchiamento precoce, rischio oncologico); dopo 2-4 ore la glicemia scende e torna la fame (e ciò può anche provocare stati d’ ansia); nel tempo si crea un sovraccarico di lavoro per il pancreas che causa insulinoresistenza e, successivamente, la comparsa del diabete; il rischio di carie dentaria è maggiore.

La dieta che contrasta glicemia

La prima regola: evitare gli alimenti ad alto IG e preferire quelli a basso IG (pane, pasta, riso integrali ecc.). Ci sono poi alcuni cibi che, abbinati a quelli a basso IG, contribuiscono a mantenere la glicemia a livelli regolari e a ripulire il sangue da zuccheri e/o grassi in eccesso. eccone un elenco: utilizzali come indicato per tutto il mese e vedrai che perdere peso e mantenere regolari i livelli di glicemia nel sangue sarà più facile.
I dieci super cibi che controllano l’indice glicemico
Consumali ogni giorno e abbinali ai cereali integrali (pane, pasta, riso, orzo ecc.). potrai creare pasti sani, completi, sazianti e dalle proprietà tonificanti e snellenti.

Salmone

– Fornisce Omega 3 che contribuiscono alla prevenzione di diabete e malattie cardiocircolatorie.
– Per secondi piatti: 150-200 g di salmone 2-3 volte a settimana, da cuocere al vapore, al forno o in padella. Accompagnare con verdure.

Yogurt

– I fermenti che contiene producono acido acetico e propionico che arrivano al fegato, dove regolano la produzione di glucosio e colesterolo.
– Come spuntino,colazione o salsa:150-300 g di yogurt naturale al dì, anche per condire macedonie e insalate.

Legumi

– Prevengono i picchi glicemici, il diabete, la fame nervosa, i trigliceridi e il colesterolo.
– Per primi o secondi piatti: 4 cucchiai di legumi (secchi) 3-5 volte a settimana in zuppe, minestre, risotti, in insalata o in umido.

Carni bianche

– Apportano proteine che contribuiscono a controllare i livelli di glicemia e sono povere di grassi.
– Per primi o secondi piatti: 150 g di carni bianche 2-3 volte a settimana, grigliate, al forno o in padella (non impanate!).

Olio d’oliva

– È ricco di composti fenolici che riducono l’attività infiammatoria di geni, coinvolti nello sviluppo del diabete mellito di tipo 2 e di diverse patologie cardiovascolari o metaboliche.
– Come condimento: 1-2 cucchiai al dì, meglio se a crudo.

Curcuma

– Numerosi studi hanno dimostrato che il suo principio attivo, la curcumina, può contribuire a mantenere sotto controllo il diabete mellito di tipo 2
– Per insaporire tutti i piatti: 2-3 prese al dì, sui cibi già cotti o a fine cottura.

– Sia verde che nero, il tè contribuisce alla riduzione dei livelli di zucchero, colesterolo e trigliceridi nel sangue. Favorisce inoltre la riduzione del peso corporeo.
– Da bere anche pasteggiando: 4-5 tazze al dì, lontano o durante i pasti.

Cannella

– Contribuisce a prevenire il diabete di tipo 2 nelle persone a rischio (anziani, persone in sovrappeso). Rende l’insulina più efficiente.
– Da spolverizzare su frutta o tisane: ne basta un grammo al dì (dose da non superare!) da unire a crudo sui cibi.

Zucca

– Alcuni studi hanno dimostrato che è in grado di riparare le cellule del pancreas danneggiate dal diabete
– Per primi piatti o contorni: 250 g di zucca 3-4 volte a settimana in zuppe, minestre o risotti, oppure al forno, come contorno.

Arancia

– La fibra contenuta nella parte bianca sotto la buccia, regola l’assorbimento di zuccheri, grassi e proteine prevenendo diabete, arteriosclerosi e stipsi.
– Come spuntino o in insalata: 1 al dì, si acquista bio e se ne consuma anche la buccia.
http://cateringgrasch.it

2 risposte

  1. trasloco-roma ha detto:

    Ottimo, articolo davvero interessante, era proprio quello che cercavo! Grazie per lo spunto!

  2. facchinaggio ha detto:

    È difficile trovare persone competenti su questo argomento, ma sembra che voi sappiate di cosa state parlando! Grazie

I commenti sono chiusi.

Chiama ora