Lista Spumanti e Vini per palati sopraffini

[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Lista Spumanti e Vini per palati sopraffini

Un viaggio sensoriale tra territorio e tradizioni. Vini e Spumanti dall’ esclusiva personalità, unici per stile ed eleganza

 

 

 

 

Nei nostri Menu sono inclusi nella quotazione a persona i seguenti Spumati in rapporto: 1 bottiglia ogni 4 persone , dove sono specificate le seguenti case:

 

Bollicine Cà Ernesto Extra Dry Vino Spumante (nel menu scelto in rapporto: 1 bottiglia ogni 4 persone)

Cornaro Prosecco Treviso  (nel caso nel menu non sia mensionato questo Prosecco e lo si voglia sostuituire alle Bollicine Cà Ernesto, bisognerà quotare 1 euro a persona in più)

 

Spumanti in lista Catering Grasch

nel caso al menu scelto si voglia sostituire alle Bollicine Cà Ernesto/Prosecco Cornaro Treviso, una delle seguenti bottiglie, Bisognerà aggiungere il costo bottiglia integrativo ad ogni bottiglia scelta

Franciacorta La Montina Vintage 2006 (aggiungere euro 80 a bottiglia)

Bellavista Franciacorta Gran Cuvee Saten (aggiungere euro 60 a bottiglia)

 

Ca del Bosco Cuvee Prestige (aggiungere euro 40 a bottiglia)

Ferrari Spumante Trento (aggiungere euro 30 a bottiglia)

 

Berlucchi 61 (aggiungere euro 20 a bottiglia)

 

 

Mondo Spumanti le cose da sapere per scegliere le bollicine giuste!

Non è facile scegliere uno Spumante e capire dall’etichetta cosa stiamo per assaggiare: vitigni, stili, metodi di produzione variano di regione in regione. Ecco una piccola guida per orientarsi e per acquistare le bollicine giuste.

Metodo Charmat o Metodo Classico?

Per creare uno Spumante, si parte da un vino base al quale vengono aggiunti zuccheri e lieviti per avviare una seconda fermentazione e ottenere un vino con un po’ di alcol in più, ma soprattutto con una certa quantità di anidride carbonica che lo rende “spumeggiante”.

Si produce principalmente con due metodi. Il primo è il metodo Charmat o Martinotti: il vino base svolge la seconda fermentazione in un grande contenitore (autoclave) ed è usato quasi sempre per Prosecco e Moscato d’Asti. Da uno spumante prodotto con questo metodo ci aspettiamo aromi fruttati e floreali, croccanti e freschi, un’esaltazione del frutto e del vitigno di origine e un vino per un consumo più immediato.

La seconda tecnica è quella del Metodo Classico: la “presa di spuma” avviene direttamente in bottiglia, e questo è tipico di produzioni come il Franciacorta o il Trento Doc.

Il Metodo Classico prevede, all’interno della bottiglia, un lungo contatto del vino con i suoi lieviti, che gli donano una struttura più importante e sentori più complessi, come crosta di pane e molte altre sfumature.

Millesimo, ovvero l’anno della vendemmia

Gli spumanti non sempre riportano in etichetta l’annata di produzione e sono solitamente frutto di cuvée, blend di diverse annate. Quando troviamo il “millesimo” si tratta di una vendemmia particolarmente buona e da segnalare!

Dry, dosage, brut: spumante secco o dolce?

Gli spumanti possono avere diversi livelli di dolcezza. A seconda della quantità di zuccheri residui che troviamo nella nostra bottiglia, rientrano in diverse categorie.

  • Pas Dosé o Brut Nature o Dosaggio Zero: il più secco di tutti, e il più alla moda; ha minimi  zuccheri residui, aromi puri e intensi al naso, a volte un po’ aggressivo al palato; vino  decisamente di impatto e di carattere
  • Extra Brut (0-6 g/l) e Brut (fino a 12 g/l di zucchero): stile classico, secco, equilibrato e adatto a quasi tutti gli abbinamenti, dolci esclusi!
  • Extra Dry (12/17 g/l): il più popolare, perfetto aperitivo, bilancia perfettamente la vibrante acidità con una lieve dolcezza, ed al palato risulta cremoso e rotondo
  • Dry o Sec (17/32 g/l): contrariamente al nome, non è per nulla secco anzi ha un’amabile sensazione di dolcezza.
  • Medium Dry o Abboccato (32/50 g/l) e Dolce (oltre 50 g/l): per gli amanti dei vini da dessert!

 

 

Nei nostri Menu sono inclusi nella quotazione a persona i seguenti  Vini in rapporto: 1 bottiglia ogni 4 persone , dove sono specificate le seguenti case:

 IL POZZO SOAVE DOC Bianco

  SINIBBIO Montepulciano d’Abruzzo Rosso

 

 

LEGGI i NOSTRI ARTICOLI: 

Vinitaly 2018: tutto quello che c’è da sapere

Cibus 2018: quello che c’è da sapere

Tartufo, vino e castagne: l’autunno è servito