Omaggio al Giappone: Yoko Ono, l’artista sconosciuta di cui tutti sanno il nome

Omaggio al Giappone: Yoko Ono, l’artista sconosciuta di cui tutti sanno il nome
Rate this post

yoko ono

Yoko Ono, l’artista sconosciuta di cui tutti sanno il nome

“La più famosa artista sconosciuta: tutti conoscono il suo nome ma nessuno sa cosa fa”. La descriveva cosi suo marito e musicista dei celebri Beatles, John Lennon. Yoko Ono, con i suoi 85 anni, è tutt’oggi una donna attiva in molti campi.

Poliedrica ed interessante, è stata anche troppo spesso odiata e accusata di essere “la strega giapponese che fece sciogliere i Beatles”.

In realtà, si tratta di un’artista a 360°. Nella sua vita ha scritto libri, ha diretto film sperimentali, è stata protagonista del mondo musicale e in quello artistico.

E’ stata uno dei pionieri dell’arte concettuale, tramite performance artistiche quali Cut Piece, durante la quale, seduta su un palco, invitava il pubblico a tagliare con delle forbici i vestiti che indossava, fino a restare nuda. La performance è stata riproposta nel 2003. In un’epoca dove la nudità è divenuta ordinaria, voleva vedere come avrebbero reagito gli spettatori. Bisogna cambiare prospettiva e vedere la violenza di un gesto su di un corpo inerme, capire che nella scelta sta la libertà del corpo.

Yoko Ono è stata una donna attiva politicamente, che si schiera e lotta in favore del pacifismo e del rispetto dei diritti umani e una grande donna della finanza, cosa che sanno in pochi.

Oggi di certo non vuole stare con le mani in mano e crea eventi, arte, quadri ed installazioni a favore della Pace.

 

Omaggio al Giappone: piatti europei ricchi di contaminazioni dal Sol Levante

yoko ono

Con personaggi del calibro di Yoko Ono, ma non solo: basti pensare al designer Kenzo Takada, ai motori di Yamaha Torakusu e all’architettura di Tadao Ando, è difficile non ammirare un paese come il Giappone. Ricco di contaminazioni dal mondo ma che, a sua volta, influenza notevolmente l’arte e la cultura occidentale, non poteva non meritare uno speciale annoveramento tra le nostre tematiche settimanali. Abbiamo studiato quindi un particolare menu ricco di contaminazioni e abbinamenti italo/giapponesi. Buon appetito!

yoko ono

 

ANTIPASTO

Vellutata di polenta gialla con gamberone rosso di Mazara marinato al sakè e succo di melograno

PRIMO

Risotto con riso da sushi con fave fresche, piselli, moscardini e zenzero

SECONDO

Tataki di ricciola con crema di zucca al wasabi, granella di pistacchio e barbabietola

DESSERT

Dorayaki di anko (crema dolce di fagioli rossi) e mele, ricoperto da una sfoglia ai 5 cereali e coulis al mirtillo

yoko ono