Menu di Capodanno alternativo
Events cucina gourmet

Menu di Capodanno alternativo

 

Per quanto buone siano  le tartine con il caviale, la pasta al salmone, l’insalata di rinforzo e il cotechino con le lenticchie hanno un po’ stufato. Ecco quali sono le proposte per un  menu Capodanno alternativo.

Antipasti caldi e freddi

Sia che serviate una cena placée oppure un buffet, proporre sia un antipasto caldo che uno freddo per Menu’ di Capodanno alternativo bendisporrà gli ospiti.

Vi basterà tostare le fette di pane, spalmare un velo di confettura di prugne, ricoprirle con una manciata di gherigli di noce tritati e adagiare una fetta di prosciutto lasciando che ricada morbida. Completate con un altro po’ di granella di noci e servite.

L’antipasto caldo, per Menu’ di Capodanno alternativo, invece, richiede qualche attenzione in più, ma ne varrà la pena: i muffin di patate dolci e gelato di gorgonzola di certo non sono tradizionali, ma conquisteranno tutti.

INGREDIENTI Dosi: 6 persone

400 g patate dolci

360 g latte

120 g gorgonzola

100 g farina 00

60 g fecola di patate

40 g burro

1 uovo

1 bustina di lievito in polvere per torte salate

grana grattugiato

noce moscata

zucchero

sale

Menu di Capodanno alternativo, ma comunque mai senza il primo piatto

Ci sono alcuni alimenti che per il 31 dicembre non possono mancare e sono le lenticchie ed la melagrana, entrambi portatori di buon auspicio per l’anno nuovo.

Quindi primo piatto della cena di capodanno si tinge di rosso. Un’alternanza di sapori e consistenze che saprà conquistare tutti. Il tocco tradizionale lo garantiscono i chicchi di melagrana e la novità che fa tendenza la regalano le spezie: noce moscata e chiodi di garofano per un piatto profumato e dal sapore ricercato.

Si tratta di un risotto e quindi dovrà essere preparato all’ultimo momento.

Fate tostare 300 g di riso in una capiente padella con 4 cucchiai di olio e 1 scalogno affettato sottilmente.

Sfumate con 1 bicchiere di vino bianco secco, quindi bagnate con il brodo vegetale e lasciate cuocere.

Trascorsi circa 10 minuti, aggiungete 3 chiodi di garofano, una spolverizzata di noce moscata e 250 g di cimette di broccoli precedentemente scottati in acqua bollente salata.

Cuocete il riso continuando ad aggiungere il brodo fino a quando i chicchi risulteranno cotti ma molto al dente.

Aggiustate di sale, se necessario, spegnete il fuoco e coprite con il coperchio per ottenere il famoso effetto all’onda. Servite il risotto nei piatti, aggiungendo una manciata di chicchi di melograno che daranno colore e una croccante consistenza ad ogni boccone.

Niente cotechino, ma sapori orientali

Consigliamo  crema di lenticchie corallo e latte di cocco. Si tratta di un primo leggero, piccantino al punto giusto e che con la mente fa a viaggiare in terre lontane… chissà se regalerà così tanta fortuna da portare veramente in viaggio chi la mangia.

Ingredienti per 4 persone

N. 1 cucchiaino di olio di arachidi, o di oliva
Uno spicchio d’aglio
1 foglia di alloro
1 cipolla
2 carote
300 g di lenticchie corallo (rosa decorticate)
250 ml di latte di cocco (una lattina)
2 bicchiere d’acqua
sale
pepe
1 cucchiaio di curry mild in polvere

4 fette di prosciutto crudo, facoltative
coriandolo fresco, facoltativo

Procedimento

In una pentola, fate soffriggere l’aglio leggermente, in modo che non bruci con la foglia di alloro. Affettate la cipolla e la carota a piccoli pezzi e fatela soffriggere. Se serve aggiungete un cucchiaio di acqua.

Aggiungete le lenticchie, fatele tostare leggermente insieme al soffritto, poi versate il latte di cocco e l’acqua.

Lasciate bollire per circa mezz’ora, con il coperchio, mescolando di tanto in tanto e controllando che l’acqua non venga assorbita dalle lenticchie. Se serve, aggiungetene ancora. Le lenticchie si spappoleranno da sole.
Se lo usate, mettete le fette di prosciutto crudo su una placca da forno e passatele sotto al grill per 5 minuti, in modo che diventino croccanti senza bruciarsi. Mettetele da parte.

Sminuzzate il coriandolo, staccando le foglie e buttando via i gambetti.
Togliete la foglia di alloro e con un frullatore ad immersione passate le lenticchie in modo che la crema diventi fluida. Aggiungete il curry, assaggiando di tanto in tanto per raggiungere il gusto desiderato, regolate di sale, date una macinata di pepe nero e, se lo usate, servite con coriandolo fresco e il prosciutto crudo abbrustolito.

Il secondo Piatto agrumato

Anche per il secondo, il profumo la fa da padrone e l’aroma agrumato delle arance accompagnerà in tavola gustosi involtini di pesce spada e pancetta

Per preparali, farcite ogni fettina sottile di pesce con una fettina di pancetta, scorza di arancia grattugiata, sale, pepe e rosmarino. Chiudete gli involtini con uno stuzzicadenti oppure dello spago da cucina e fateli rosolare in padella con un filo d’olio, sfumando con il succo di arancia.

Il dessert

La tendenza di quest’anno sono i fiori che non solo arricchiscono i centrotavola, ma si sistemano nei piatti per garantire un tocco di colore e di eleganza.

E quindi il dessert di questo speciale menu si addobba a festa e la crème brûlée diventa coloratissima e allegra.

Fate scaldare in un pentolino 500 ml di panna con i semi di 1 baccello di vaniglia; nel frattempo, montate leggermente 3 tuorli con 250 g di zucchero semolato.

Versate la panna sul composto, amalgamate e dividete la crema nelle cocotte di ceramica.

Sistematele in una pirofila, versatevi l’acqua e cuocete in forno a bagnomaria a 180° per 35 minuti circa.

Una volta pronta, spolverizzate la crema con un cucchiaio di zucchero e con il cannello apposito create la tipica crosticina.

Servite le cocotte decorandole con fiori edibili di begonia, dal gusto che ricorda il limone, fiori di borragine e gelsomini.

Lascia il tuo commento